Sistema Museale di Ateneo

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina -
il menu di navigazione -
English | Caratteri normali - Caratteri grandi

Contenuto della pagina

Collezioni

Contatti e Indirizzi

Sede Espositiva:

Piazza Botta, 9 - 27100 Pavia
Tel. +39.0382.986297
e-mail: museo (at) unipv.it

Allegati e links
Collezione di Zoologia

Le collezioni di vertebrati hanno una consistenza di quasi 5.000 esemplari. Comprendono, oltre ai preziosi reperti di epoca spallanzaniana, esemplari raccolti durante i viaggi di esplorazione scientifica nel XIX e XX secolo e ricche collezioni in alcool. Tra queste ultime è da notare il rarissimo esemplare albino di natrice tassellata (Natrix tessellata). Sempre nelle raccolte in alcol, tra i rettili lacertidi figura un agamide dedicato all’esploratore pavese Luigi Robecchi-Bricchetti (1855-1926). L’esemplare di Agama robecchii fu raccolto dallo stesso esploratore a Obbia in Somalia nel 1890.

Nella rassegna di pesci marini e d’acqua dolce, meritano attenzione i pesci dipnoi acquisiti da Pietro Pavesi e un raro esemplare di celacanto (Latimeria chalumnae), pescato nel Canale di Mozambico agli inizi degli anni ’70 e donato per interessamento dell’Aga Khan IV Karim. L’esemplare, oggetto di maldestri tentativi di conservazione immediatamente dopo la cattura, attualmente è conservato in formalina neutralizzata al 10%.

La più consistente è la sezione ornitologica che conta 2 mila esemplari naturalizzati; ad essa nel 2000 si è aggiunta una interessante testimonianza di fauna locale costituita dalla moderna collezione donata da Giovanni Verri (1931-1999), tecnico universitario e appassionato ornitologo tassidermista. Nella collezione ornitologica sono presenti gli uccelli del Paradiso donati dal naturalista marchese Giacomo Doria (1840-1913) e due condor delle Ande (Vultur gryphus) catturati in Cile nel 1835 dall’esploratore Gaetano Osculati (1808- 1894), conoscitore delle Americhe. Sempre nella collezione ornitologica figurano esemplari provenienti dalle esplorazioni di italiani famosi come Orazio Antinori (1811-1882), Odoardo Beccari (1843-1920), Luigi Maria D’Albertis (1841-1901), Filippo De Filippi (1814-1867), Enrico Hillyer Giglioli (1845-1909). Raccolto da Vittorio Bottego (1860-1897) nel 1895 a Lugh in Abissinia è invece un raro esemplare di roditore eterocefalo glabro (Heterocephalus glaber).
Tra le collezioni di invertebrati, conservate in palazzo Botta, rivestono particolare valore:
• la collezione di vermi intestinali dello zoologo tedesco Johann August Ephraim Goeze (1731-1793) acquistata da Giuseppe II nel 1787. Si tratta di una ingente raccolta di parassiti di assoluto pregio scientifico, comprendente molti ‘tipi’ ossia esemplari sui quali è stata descritta la specie;

• la sezione malacologica di conchiglie marine, terrestri e dulcacquicole tra cui le notevoli collezioni di Arturo Issel (1842-1922) e Teodoro Prada (1815-1892) della fine dell’Ottocento.

• la raccolta di ragni di Pietro Pavesi (1844-1907, direttore del Museo nell’ultimo quarto del secolo XIX), per un totale di 5.000 aracnidi;

• la collezione di insetti comprendente, tra le altre, la sezione storica, la collezione di ditteri pavesi di Emilio Corti (assistente presso l’Istituto di Zoologia dal 1893 al 1932) e la cospicua raccolta di Mario Pavan (1918-2003), fondatore e direttore dell’Istituto di Entomologia dell’Università di Pavia, donata dagli eredi.

Il Sistema Museale di Ateneo aderisce al SIRBeC sistema Informativo dei Beni Culturali della Regione Lombardia. SIRBeC è il sistema di catalogazione del patrimonio culturale lombardo diffuso sul territorio o conservato all'interno di musei, raccolte e altre istituzioni culturali. I dati relativi alle nostre collezioni saranno presto consultabili sul sito Lombardia Beni Culturali.

Il Sistema Museale di Ateneo partecipa inoltre al progetto COMUN Collezioni Museali Universitarie promosso dalla Fondazione CRUI.

Torna all'inizio