Sistema Museale di Ateneo

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina -
il menu di navigazione -
English | Caratteri normali - Caratteri grandi

Contenuto della pagina

Sito internet
Collezioni

Consistenza

Tipologia: Naturalistico | Consistenza: 10.000 reperti ca

Visita

Ingresso gratuito

Apertura al pubblico
Orari di apertura:
Lunedi-Giovedi:14.30-16.30
Venerdi: 9.00-12.00

Per orari di apertura Sabato e altri eventi consultare il calendario online

Prenotazioni e Visite Guidate
Tel. +39.0382.985873
email. athosmaria.callegari (at) unipv.it

Contatti e Indirizzi

Museo di Mineralogia
Dipartimento di Scienze della Terra
Via Ferrata, 1 - Pavia
Tel.+39 0382 985873 
e-mail. athosmaria.callegari (at) unipv.it

Direzione e Staff

Direttore del Museo
Prof. Athos Maria Callegari
athosmaria.callegari (at) unipv.it
Tel. +39.0382.985873

Allegati e Links

 


Museo di Mineralogia

Storia e Collezioni

Le origini del Museo di Mineralogia collocato presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Ambiente risalgono alla fine del secolo XVIII.

Il nucleo più antico della collezione risale, infatti, alla sezione “regno minerale” del Museo di Storia Naturale fondato da Lazzaro Spallanzani. La raccolta di minerali è attualmente rappresentata da due collezioni principali: una collezione generale sistematica, e una collezione regionale, dove sono raccolti i minerali più rappresentativi di ogni regione italiana.

Nel Museo sono inoltre esposte collezioni di notevole interesse storico, quale ad esempio la “Collezione Angelo Bianchi” che comprende una serie di minerali della Val Devero (raccolta agli inizi degli anni ’20 del secolo scorso), la “Collezione di Meteoriti” dove è conservata, fra le tante, anche una meteorite caduta nel 1794 nei pressi di Siena e raccolta dallo stesso Spallanzani, e una “Collezione di diaspri” siberiani fatta pervenire al museo dal Duca Melzi D’Eril nel 1802.

Sono fruibili anche collezioni di minerali e di rocce ad uso didattico che comprendono i minerali e le rocce più comuni sulla crosta terrestre.


Torna all'inizio