Sistema Museale di Ateneo

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina -
il menu di navigazione -
English | Caratteri normali - Caratteri grandi

Contenuto della pagina

Sito internet
Collezioni

Consistenza - sezione di Medicina

Strumenti scientifici vari | Preparati anatomici | Documenti d’archivio | Biblioteca, comune a entrambe le sezioni,  consta di circa 5000 volumi, tra i quali si conservano anche volumi antichi e manoscritti

Contesto: Documentazione dell’evoluzione della medicina e chirurgia dalla II metà del ‘700 al ‘900

Consistenza - sezione di Fisica

Strumenti appartenuti  a Volta e ai suoi successori | Contesto: Storia della Fisica dell’800

Museo: Oggetti e documenti che testimoniano la storia dell’Ateneo dalla II metà del XIV sec.

Contesto: storia dell’Università

Visita

Orari di apertura:
Lunedi: 14.00-17.00
Mercoledi-Venerdi: 9.00-12.00

Orari di apertura dell'archivio:
Lunedi: 9.00-12.00 | 14.30-16.30
Mercoledi: 9.00-12.00 | 14.30-16.30
Venerdi: 9.00-11.00

Per orari di apertura Sabato e altri eventi consultare il calendario online.

Prenotazioni e Visite Guidate
Tel. 0382 98 4709| 4707, gruppi massimo 20 persone

Ingresso gratuito

Contatti e Indirizzi

Museo per la Storia dell'Università
Palazzo Universitario
Strada Nuova 65 27100 Pavia
Tel. + 39 0382 984707
e-mail. mariacarla.garbarino (at) unipv.it

Direzione e Staff

Direttore
Prof. Lidia Falomo Bernarduzzi
lidia.falomobernarduzzi (at) unipv.it
Tel. +39038298 4707 - 7687

Curatore
Carla Garbarino
mariacarla.garbarino (at) unipv.it
Tel. +0390382984707

Responsabile conservazione e restauro
Antonella Berzero
antonella.berzero (at) unipv.it
Tel. +390382986491

Amministrazione

Assegnista di ricerca
Valentina Cani
valentina.cani(at) unipv.it
Tel. +39.0382.984707

Allegati e Links
Logo


Museo per la Storia dell' Università

Storia e Collezioni

Il Museo si trova all’interno del palazzo centrale universitario, affacciato sul cortile dei caduti, l’antico cortile medico dell’Università.

Inaugurato nel 1936, conserva manoscritti, testi a stampa, strumenti scientifici preparati anatomici e naturalistici che costituiscono una testimonianza della storia dell’Ateneo a partire dalle sue origini medievali.

Alla seconda metà del secolo XVIII - quando, a seguito delle riforme volute dall’imperatrice d’Austria Maria Teresa, l’Università di Pavia divenne uno centri scientifici più all’avanguardia in Europa - risalgono i nuclei originari delle collezioni principali, la sezione di fisica, raccoltasi intorno agli strumenti dell’antico laboratorio di Alessandro Volta, e la sezione di medicina, erede delle collezioni anatomiche che Antonio Scarpa aveva organizzato proprio nei locali che attualmente ospitano il Museo.

Nella sezione di medicina, articolata in tre sale, si conservano strumenti e preparati che rimandano all’attività della scuola anatomica di Antonio Scarpa e al museo di storia naturale di Lazzaro Spallanzani, entrambi giunti a Pavia alla fine del XVIII secolo, ai progressi nel campo della chirurgia e della clinica attraverso i secoli XIX e XX, con figure quali Luigi Porta e Carlo Forlanini, e all’attività della scuola scientifica fondata da Camillo Golgi, il primo italiano a vincere – nel 1906 – il premio Nobel per la medicina grazie alla messa a punto di un metodo istologico che pose le basi delle moderne neuroscienze

Nella sezione di fisica è stato ricostruito il Gabinetto di Fisica di Alessandro Volta, che si trovava originariamente al primo piano, affacciato sul portico legale, in locali adiacenti al Teatro fisico.

Sotto la direzione di Volta, a partire dal 1778, il Gabinetto venne attrezzato con gli strumenti più nuovi per la didattica e la ricerca e divenne un luogo ammirato da numerosi visitatori italiani e stranieri. Una seconda sala accoglie gli strumenti utilizzati dai successori di Volta nel corso dell’Ottocento.

Il Museo conserva anche un archivio che copre un arco cronologico dall’inizio del XV al XX sec. La documentazione, particolarmente interessante per quanto riguarda la storia della medicina, costituisce una importante integrazione di quanto conservato all’Archivio di Stato di Pavia (antico archivio dell’Università) e all’Archivio storico dell’Università.

 

 

 

 

 



 

Torna all'inizio