Sistema Museale di Ateneo

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina -
il menu di navigazione -
English | Caratteri normali - Caratteri grandi

Contenuto della pagina

Mostra Logo

Allegati e Links

Floramagica. Simbologie, Segreti, Incantesimi, Virtù

Pavia, 21 dicembre 2010 – 30 gennaio 2011

.

Dal 21 dicembre al 31 gennaio, a palazzo Broletto, le meraviglie dell’Orto Botanico in una mostra, organizzata dal Comune di Pavia, con la Biblioteca civica Bonetta e la biblioteca della Scienza e della tecnica dell’Università di Pavia dedicata al potere magico e alle proprietà farmacologiche di molte specie vegetali. Libri antichi, pezzi d’antiquariato della storia della Farmacia pavese, reperti del Museo di Storia Naturale di Pavia e strumenti del Museo di Chimica, in un percorso che unisce Medicina, farmacologia, tradizioni popolari, stregoneria, flora magica e culinaria.

La mostra
Il potere magico attribuito ad alcune piante è documentato fin dall’antichità: già nella Medicina egiziana l’efficacia curativa di determinate specie vegetali era legata a formule estranee a qualsiasi terapia scientificamente intesa.

Da allora l’esperienza empirica ha portato alla graduale scoperta delle reali proprietà farmacologiche di molte specie vegetali, soprattutto nel caso di manifestazioni molto evidenti come effetti tossici, soporiferi, inebrianti e allucinogeni.

Numerose sono le piante nominate nelle ricette di unguenti, pozioni, medicamenti, tinture e infusi considerati magici, perché le forme del regno vegetale hanno spesso suggerito al pensiero umano le più sottili allusioni simboliche: ne sono un'affascinante testimonianza le tavole botaniche dei volumi antichi presentati in questa sede, incise e dipinte da artisti del calibro di Pierre Joseph Redouté (1759-1840) e Georg Dionysius Ehret (1708–1770).

Le sezioni espositive
Il percorso mostra guida attraverso alcune delle suggestioni che le piante considerate magiche hanno avuto ed hanno tuttora: suggestioni a volte dettate dalla vivacità di tradizioni popolari mai spente, anche laddove l’efficacia della terapia farmacologica si sia dimostrata prevaricante.

Fra libri antichi e di pregio, pezzi d’antiquariato legati alla storia della Farmacia pavese, reperti zoologici del Museo di Storia Naturale di Pavia e strumenti del Museo di Chimica, l’esposizione intende offrire uno stimolo a quanti desiderino approfondire il ruolo della flora magica nella letteratura antica e moderna, nella storia della stregoneria europea, nell’Alchimia e nella Medicina popolare.

Una serie incontri a margine della mostra svilupperanno alcuni aspetti della flora magica nell’arte culinaria, nel cinema e nelle culture primitive dell’Africa e dell’America meridionale.

L’Araldica
Anche nell’araldica le immagini tolte dal mondo vegetale sono numerose e hanno un significato recondito legato alla mitologia, alla religione ed alla magia. In mostra sono esposti sette esemplari di stemmi (legato Marozzi) con piante ed erbe che rimandano in maniera esplicita o in forma di sciarada al cognome.

Visita virtuale interattiva
Il libro non è propriamente un oggetto da guardare, come lo è un quadro d’autore, rimane essenzialmente un oggetto da sfogliare. Non essendo possibile farlo durante un’esposizione, per la delicatezza e il pregio del materiale, si è pensato di permettere ai visitatori di sfogliare alcuni dei volumi esposti in modo virtuale attraverso l’uso di supporti digitali. E’ quindi a disposizione dei visitatori una postazione interattiva individuale, dalla quale poter scegliere e sfogliare in modalità touchscreen alcuni dei volumi esposti.

 

 



Torna all'inizio