Sistema Museale di Ateneo

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina -
il menu di navigazione -
English | Caratteri normali - Caratteri grandi

Contenuto della pagina

Data di pubblicazione. 2005

Approfondimenti
 
ISBN:8833916189
 
 
 

P. Mazzarello. Il genio e l'alienista. La visita di Lombroso a Tolstoj.
Bollati Boringhieri, Torino (2005).
Il genio e l'alienista
La visita di Lombroso a Tolstoj
Mazzarello Paolo
Anno 2005
Collana «Variantine»

 

il contenuto
Estate 1897, Cesare Lombroso abbandona le sedute del Congresso Medico Internazionale di Mosca, a cui sta partecipando come invitato di grande spicco, per recarsi a incontrare Lev Tolstoj. Per il medico italiano, famoso per le sue teorie su genio, follia e criminalità, e l’occasione di un viaggio scientifico-naturalistico a conferma della sua teoria sulla degenerazione del genio. Tolstoj è infatti, secondo Lombroso, la perfetta personificazione del binomio genio e follia. Lo scrittore russo, intuendo il ruolo di soggetto da esperimento che sta per interpretare, reagisce contestando con veemenza le teorie antropologiche lombrosiane. Un rifiuto che ricorre con particolare insistenza nella redazione finale di Resurrezione, cui Tolstoj pone mano, guarda caso, proprio pochi mesi dopo quell’incontro.
Cosi queste pagine, sospese tra la storia e l’aneddoto, oltre a rendere partecipe il lettore di un incontro tanto singolare, possono aggiungere qualcosa alla comprensione di questo grande romanzo.

l'autore
Paolo Mazzarello insegna Scienze umane e Storia della medicina all’Università di Pavia. E' autore di diversi saggi pubblicati su importanti riviste internazionali. Ha scritto tra l’altro una biografia di Camillo Golgi apparsa in inglese presso la Oxford University Press (The Hidden Structure: A Scientific Biography of Camillo Golgi, 1999). Per Bollati Boringhieri ha pubblicato un nuovo studio biografico su Camillo Golgi.

Recensioni
“Se all’incontro-scontro del 1897 va riconosciuto un merito, questo sembra consistere nella smentita di troppo facili certezze del nostro presente sui confini tra fede e ragione o tra natura e cultura” (Sergio Luzzatto, Il Corriere della Sera, 07/01/06)

“Nel 1897 Lombroso accettò l’invito al congresso medico internazionale di Mosca. E non sprecò l’occasione di visitare l’oggetto dei suoi studi su genio e follia. L’incontro con Tolstoj è ricostruito da Paolo Mazzarello in un libro esilarante”
(Antonio Armano, il Giornale 15/01/06)

“La strana visita che Paolo Mazzarello aveva già ricostruito in una edizione del 1998, aggiunge un altro tassello alla figura poliedrica e imprevedibile dell’alienista”.
(Giorgio Colombo, Libri e riviste d’Italia, febbraio 2006)


“Attorno a questa vicenda, quasi come se leggessimo un giornale ottocentesco, Mazzarello ci restituisce l’intensità di un’Europa affascinata ancora da se stessa, dove l’informazione circolava più lentamente, ma forse viene da pensare, a vantaggio della penetrazione delle idee”
(Il Foglio, Ana Millan Gasca, 11/03/2006)

 

Torna all'inizio